fbpx

Hee Sook Kim | Trame naturali ad Espronceda

Espronceda è un innovativo centro d’arte contemporanea, sede espositiva e spazio di lavoro che offre un ambiente multi-disciplinare per artisti, curatori e per chiunque creda nell’importanza dell’arte, della cultura e dell’istruzione per una maggiore creatività e per un mondo migliore.

Promuovendo gli artisti internazionali, sia emergenti che affermati, gli supporta nello sviluppo delle loro opere e della loro creatività, per diffondere la loro ispirazione oltre la loro permanenza fisica nello spazio.

Ha da poco iniziato la sua residenza presso questo melting pot all’avanguardia Hee Sook Kim, artista di origini coreane finalista di Arte Laguna Prize 14, che terminerà la sua esperienza il 18 maggio 2022.

L’arrivo dell’artista ad Espronceda è stato rimandato più volte a causa della pandemia, ma ora che si trova al centro la collaborazione sta già dando i suoi frutti. Il suo progetto più recente vuole convogliate attraverso i dipinti una sensazione di cura olistica tramite la rappresentazione di piante medicinali su più strati con l’inserto di gemme che diano una sensazione di soavità.

Per creare questi lavori attinge dai giardini botanici, dai colori, da piante in vaso e, più recentemente, dai lavori di Gaudì e dalle sue composizioni naturalistiche. Una serie di influenze artistiche che, sottolinea l’artista, non avrebbe potuto ricevere se non fosse andata a Barcellona. I lavori realizzati in residenza verranno presentati durante il talk dal titolo “Natura e Arte” il 13 maggio 2022.

Durante il soggiorno Hee Sook Kim ha avuto modo di incontrare la curatrice Savina Tarsitano, con la quale si e’ confrontata per definire l’allestimento delle opere per la mostra personale che si terra’ dall’11 al 17 maggio prossimo, dal titolo Patterns of Experience. Di seguito il testo curatoriale scritto da Tarsitano per la mostra:

“Il lavoro di Hee Sook Kim ci porta nel mondo della natura, del prenderci cura di noi stessi, guarendoci dagli eventi catastrofici che ci circondano. L’opera prodotta durante la sua residenza d’artista a Espronceda durante il soggiorno a Barcellona ci porta nel mondo mediterraneo attraverso uno sguardo verso l’Occidente e l’Oriente, due mondi che dialogano e si incontrano. Il femminile si eleva tra colori e materiali per ricordarci anche l’essere donna, il diritto alla propria espressione e la libertà di esistere. Hee Sook Kim decide a causa dell’attacco delle torri gemelle, a New York, l’atrocità di quegli atti, la brutalità umana, di contribuire attraverso la sua arte a prendersi cura dell’umanità. Se l’arte ha una missione, è proprio quella di ricordarci chi siamo, la bellezza che ci circonda al di là delle atrocità. Il Covid ha portato Hee Sook Kim a riflettere nuovamente sul rapporto tra piante, natura e uomo, e su come prendersi cura dell’anima e del corpo. In questa fase di isolamento la sua ricerca intensifica i colori che sorgono con una bellezza tale da riportarci al mondo naturale. Il periodo a Barcellona, l’architettura, i colori, l’osservazione dell’opera di Gaudi, la riconduce a quella meticolosa ricerca del particolare, del dettaglio, della contemplazione e dell’osservazione per riequilibrare il rapporto tra natura e uomo. Le opere presentate nella mostra “Patterns of Experience” sono state create durante il suo soggiorno e viaggio a Barcellona, lasciando che il luogo, la cultura trasmettano nuovi elementi, nuovi colori e sfumature in questa serie di dipinti. La video installazione del compositore Christopher Shultis ci raggiunge in questo viaggio che insieme alle opere di Kim Hee Sook si completano in un’unica opera che ci spinge ad entrare lentamente nel mondo naturale”.

 

Photo credit: Omcuom Design